Protesi della spalla

Sostituzione Protesica

In Articoli Scientifici, Trattamenti by Spalla.it

La protesi della spalla

L’intervento di sostituzione protesica della spalla è indicato quando il trattamento conservativo e riabilitativo non hanno portato i benefici attesi. Il dolore di spalla e la disabilità presentano diverse condizioni per le quali viene presa in considerazione l’opzione chirurgica di sostituzione protesica.

Osteoartrosi

Generalmente si presenta dopo i cinquant’anni e raramente in pazienti più giovani. La causa viene individuata in un progressivo assottigliamento della cartilagine articolare che non riesce più a svolgere la caratteristica funzione di “ammortizzatore” provocando, con l’intercedere del tempo, una diminuzione del movimento della spalla e un aumento del dolore che non consentono lo svolgimento delle normali attività quotidiane arrivando a impedire il sonno notturno.

Artrite reumatoide della spalla

È una malattia reumatologica che comporta un’infiammazione cronica della membrana sinoviale che, perdendo la sua funzionalità, degrada la cartilagine.

Artrosi post-traumatica della spalla

Si determina a seguito di un infortunio alla spalla a causa del quale le strutture dell’articolazione risultano compromesse e inducono un deterioramento della cartilagine con sintomi di forte dolore alla spalla e limitazione nei movimenti.

Necrosi avascolare della spalla

La necrosi avascolare, associata a forte dolore alla spalla, si determina a causa di una riduzione della circolazione sanguigna con conseguente morte delle cellule ossee della testa omerale. La Necrosi Vascolare può essere causata anche dall’uso cronico di steroidi, una frattura di spalla in cui la lesione va ad interessare i vasi ematici che portano il nutrimento alla testa omerale, malattie del sangue o l’abuso di sostanze alcoliche.
Precedenti interventi chirurgici di spalla non andati a buon fine: Non di rado giungono alla nostra osservazione pazienti che hanno subito trattamenti chirurgici che hanno comportato un’infezione o una dislocazione dell’impianto protesico o una maggiore usura della cartilagine articolare, in tal caso si rende necessaria un secondo intervento chirurgico risolutivo.

Le tipologie di protesi di spalla si suddividono in:

  • Artroprotesi totale di spalla ( o protesi totale della spalla) - Eseguita per trattare l'artrosi dell'articolazione gleno-omerale, questa procedura, chiamata anche sostituzione dell'articolazione della spalla, comporta la sostituzione della parte prossimale dell’omero o testa omerale e della superficie della glena sul versante scapolare.
  • Artroprotesi diretta di spalla (o protesi diretta della Spalla): questa procedura chirurgica, utilizzata anche per trattare l'artrite dell'articolazione gleno-omerale, comporta la sostituzione della testa (palla) dell'omero.
  • Artroprotesi inversa di spalla (o protesi inversa della spalla) - Eseguita per trattare l'artrosi dell'articolazione gleno-omerale associata a lesione o insufficienza funzionale dei tendini della cuffia dei rotatori.