Patologie della Cuffia dei rotatori

In Articoli Scientifici, Patologie della Spalla by Spalla.it

Con “cuffia dei rotatori” si intende un insieme di tendini presenti nell'articolazione della spalla che consente di compiere un’ampia gamma di movimenti complessi: la spalla è l’articolazione del corpo umano che ha la maggiore capacità di escursione articolare.
Gli insulti traumatici e/o degenerativi che questi tendini subiscono possono provocarne la rottura, tale condizione è chiamata “lesione della cuffia dei rotatori”.
È una delle cause più comuni di dolore alla spalla negli adulti e nel “giovane anziano” e una volta veniva definita come “periartrite”.

Leggi anche: "Chirurgia nella Lesione della Cuffia"

Le cause

Le lesioni della cuffia dei rotatori sono spesso legate a fattori biologici e meccanici come i difetti posturali. La spalla, e in particolare la cuffia dei rotatori per alcuni aspetti paga il prezzo dell’evoluzione della specie umana che è passata da una posizione quadrupede a bipede per cui la cuffia lavora con una leva svantaggiosa.

Sintomi

La rottura della cuffia dei rotatori è responsabile di diversi sintomi, caratteristico il dolore notturno, debolezza del braccio, in particolare quando è in movimento. Può associarsi rigidità articolare, limitazione attiva del movimento articolare, più raramente gonfiore. Il dolore può localizzarsi anche nella regione antero-laterale del braccio, laddove decorre il bicipite e si inserisce il deltoide.

Diagnosi

Il chirurgo ortopedico diagnostica una patologia della cuffia dei rotatori in funzione della raccolta anamnestica e dell’esame clinico che deve necessariamente essere integrato con delle indagini diagnostiche, quali l’esame radiografico, di frequente la Risonanza Magnetica (RM) e talvolta la Tomografia Computerizzata (TaC).

Opzioni di trattamento conservativo della cuffia dei rotatori

  • Eventuale contenzione con tutore reggi-braccio
  • Infiltrazioni intra articolari para-tendinee
  • Ridimensionamento dell’attività lavorativa e/o fisica
  • Esercizi di fisioterapia specifici che devono essere eseguiti in un ambiente dedicato e con personale qualificato

Trattamento chirurgico della cuffia dei rotatori

La riparazione della cuffia dei rotatori in passato veniva eseguita mediante chirurgia aperta. L’avanzamento tecnologico con ottiche ad alta definizione e strumenti sempre più precisi, ha permesso oggi all’artroscopia di sostituire in toto la chirurgia aperta per ciò che concerne determinate procedure come ad esempio la riparazione/sutura della cuffia dei rotatori. Vengono usate delle viti in titanio, talvolta bio-riassorbibili, denominate “ancore”; queste consentono l’accostamento del tendine lesionato al tessuto osseo. A seguito dell'intervento chirurgico il paziente indosserà un tutore molto ben tollerato per alcune settimane (di solito 3 o 4), per permettere al tendine di attecchire nuovamente all’osso; questi sono definiti come “tempi biologici di riparazione”. Seguirà poi un protocollo specifico di fisioterapia mirato a lenire il dolore, ripristinare movimento e integrare progressivamente “l’anello Spalla” nella catena cinetica del corpo umano.